Paternò SportSport

La capolista se ne va! Il Paternò batte il S. Agata 2-0 nello scontro diretto

I brividi e le emozioni provate durante questa partita, soprattutto, quando alla fine parte il coro “la capolista se ne va…” sono indescrivibili, qualcosa che solamente chi guarda e segue dal vivo la propria squadra può capire. Gli oltre 1200 spettatori presenti al “Falcone-Borsellino” sono letteralmente impazziti vedendo giocare un grande Paternò, che ha fatto un sol boccone del temuto e seppur forte S. Agata. La prestazione dei paternesi è stata al di sopra delle righe, non rischiando quasi mai in difesa e cercando spesso e volentieri i gol. Il Paternò è stato anche più forte delle avversità, quando al 36′ del primo tempo, ha dovuto rinunciare al suo giocatore più carismatico, Totò Cocuzza, alle prese con un infortunio muscolare. Ma è proprio in questo momento, che esce fuori la squadra di razza, quella che delle difficoltà fa necessità e che in campo dimostra di meritare appieno i galloni di capolista. I gol sono ad opera di uno splendido Davide Carioto, bravo a trovarsi al punto giusto nel momento giusto, ed a piazzare un gran sinistro per il raddoppio, ma la prestazione è stata super da parte di tutti. Un particolare elogio per i due ragazzini, Coniglione e Santapaola, che in campo hanno giocato da veterani e non sbagliato un colpo, il primo non ha fatto passare a nessuno dalle sue parti, il secondo ha praticamente disinnescato la mina vagante Concialdi, che in 90′, non ha praticamente toccato palla. Super le prestazioni dei due centrali Raimondi e Bontempo, Pippo peraltro aveva un fastidio, ma in campo ha giocato da gladiatore, mentre Fabrizio da buon ex, si è fatto ampiamente rimpiangere, giocando una partita, a dir poco eroica. Centrocampo super con Privitera e l’indomabile Truglio, con gli esterni Passewe e La Piana che hanno fatto il bello e il cattivo tempo, l’attacco dopo l’uscita di Cocuzza, con Scapellato ha giocato con grande determinazione. Insomma, super Paternò. Nella fattispecie, il primo gol, avvenuto al 62′, è da far rivedere nelle scuole calcio, perchè Truglio, con grande spirito di sacrificio, si catapulta su una palla innocua, che Mariano Russo sta gestendo sulla sinistra, vince il contrasto, entra in area e serve quindi a Carioto il gol del vantaggio. Il raddoppio arriva poco dopo al 68′ sempre con Carioto, questa volta servito da Passewe, tiro di prima intenzione del bomber e stadio “Falcone-Borsellino” che esplode! Il S. Agata visto a Paternò, è pur sempre una grande squadra, ma le mosse di mister Catalano sono state azzeccate e in tal senso l’unico rischio, il Paternò l’ha provato soltanto al 91′, quando Inzoudine calcia da fuori da buona posizione, mentre sia prima con Passewe, che idee di dribblare il portiere, a tu per tu con il portiere, tira addosso a Ruggiero, quindi con Santapaola, che in contropiede sfiora il palo, ha avuto più la possibilità del meritato 3-0. Ma va bene così, la capolista se ne va. Ci vediamo per la prossima a Ragusa, per un ulteriore esame, sempre se qualcuno ha ancora dei dubbi su questa squadra, soprattutto chi diceva che non aveva ancora affrontato le migliori…

INTERVISTE

Negli spogliatoi scrosciano gli applausi per mister Catalano, ma come consueto, l’allenatore predica molta umiltà: “Abbiamo giocato una grande partita ed il merito di tutto questo va davvero ai ragazzi, che hanno giocato e interpretato al meglio il match. Non abbiamo sofferto quasi nulla, e seppur limitati dall’uscita anzitempo di Cocuzza, abbiamo disputato una grandissima partita. Ma non ci culliamo più tanto, viviamo alla giornata, anzi i cali di concentrazione sono dietro l’angolo e noi vogliamo essere sempre sul pezzo. Ringrazio anche il grande pubblico che ci ha sostenuto in massa per tutti e 90 minuti”. Pubblico che viene ringraziato anche dall’amministratore delegato Franco Di Perna: “Pubblico delle grandi occasioni e risposta della squadra che non è mancata. Siamo felici per il risultato, per la prestazioni e per la grande giornata di sport a cui abbiamo assistito. Per quanto riguarda invece il mercato, la società prenderà sicuramente dei giocatori, ma più che altro metterà delle ciliegine sulla torta, in quanto riteniamo di essere già abbastanza competitivi”. Il massaggiatore Ruggero Cavallaro si è invece soffermato su Cocuzza: “Purtroppo in settimana, Cocuzza aveva avvertito dei fastidi, abbiamo fatto di tutto per recuperarlo e ci siamo riusciti, ma purtroppo oggi ha accusato nuovamente il problemino. Solo martedì dopo l’ecografia capiremo di cosa si tratta, ma confidiamo che si tratti soltanto di un piccolo stiramento. Mentre per Raimondi, il piccolo fastidio al ginocchio è stato superato”. Capitan Truglio invece ci tiene a ringraziare il pubblico: “Dire che sono il 12° uomo in campo è riduttivo, oggi, ma sempre sono stati eccezionali. Ringrazio tutti i tifosi e tutti i nostri sostenitori per averci aiutati a superare questo ostacolo, ma il nostro percorso è ancora irto di difficoltà e ancora non abbiamo fatto nulla”. Infine conclude bomber Carioto: “Nel momento in cui ho visto Truglio superare Russo, ho subito attaccato il secondo palo, e qui ho superato il difensore e messo la palla alle spalle del portiere. Nel 2° gol invece, Morris mi ha dato la palla e non c’ho pensato due volte a calciarla di prima intenzione di sinistro. Sono troppo felice, perchè quando entro in campo, il mio desiderio è quello di segnare e andare sotto la curva, oggi l’ho fatto due volte e le emozioni sono state davvero tante”.

TABELLINO

PATERNO’ – S. AGATA 2-0

PATERNO’: Ferla 7, Coniglione 7.5, Santapaola 7.5, Privitera 7.5, Raimondi 8, Bontempo 8, Passewe 7, Truglio 8 (72′ Strano 7), Carioto 8.5 (70′ Godino 7), Cocuzza 7 ( 36′ Scapellato D. 6.5), La Piana 8 (83′ Marino s.v.). A disposizione: Tripoli, Celia, Cano, Zappalà, Cantarero. All.: Gaetano Catalano 8.5.

S. AGATA: Cannizzaro 6 (67′ Ruggiero 5.5), Russo 5, Franchina 5.5, Costa 6, Giardina 5.5 (82′ Crifò s.v.), Yoboua 5, Conti 6 (67′ Arena 5.5), Calafiore 6, Cicirello 5, Concialdi 5, Inzoudine 6. A disposizione: Occhiuto, Presti, Zangara, Di Bartolo, Miano, Adamo. All.: Pasquale Ferrara 5.

ARBITRO: Clemente Cortese di Bologna 7. Assistenti: Marco Riccobene di Enna 6.5 – Orazio Fazio di Acireale (CT) 5.

RETI: 62′ e 68′ Carioto.

Assist: Truglio, Passewe.

NOTE: Oltre 1200 spettatori presenti, di cui 50 provenienti da S. Agata di Militello. Ammoniti: Raimondi, Strano e Truglio per il Paternò, Yoboua per il S. Agata. Angoli: 3-3. Recuperi: pt 3′, st 5′.

LA FOTOGALLERY

Esultanza a fine gara (© Foto Anicito)
Gli arbitri e le squadre entrano in campo (© Foto Anicito)
I bambini del 3° circolo didattico di Paternò e la formazione del Paternò (© Foto Anicito)
I bambini del 3° circolo didattico di Paternò e la formazione del S.Agata (© Foto Anicito)
La coreografia della Curva Sud del Paternò (© Foto Anicito)
Alcuni dei santagatesi giunti a Paternò (© Foto Anicito)
La Piana e Concialdi (© Foto Anicito)
Pino Truglio tra i migliori (© Foto Anicito)
Carioto porta in vantaggio il Paternò (© Foto Anicito)
Il match-winner Davide Carioto (© Foto Anicito)
Carioto calcia in fondo al sacco il tiro del 2° gol (© Foto Anicito)
Passewe sfiora il 3° gol (© Foto Anicito)
Il tiro di Inzoudine finisce fuori (© Foto Anicito)
E’ grande festa nel finale (© Foto Anicito)
Santapaola e Coniglione, semplicemente impeccabili (© Foto Anicito)
Tags
Mostra gli altri

Vincenzo Anicito

Esteta, curioso, intrigante, riflessivo, odia gli stereotipi, ama Paternò e il Paternò calcio, il paesaggio al tramonto, il mare d'estate dopo le 19:00 e dormire con il rumore della pioggia

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: