NewsPaternò SportSport

Duro intervento del Presidente del Paternò calcio, Mazzamuto: “Lasciati soli, giocheremo coi ragazzini”.

Così come avevamo preannunciato nei giorni scorsi, tante sono le problematiche del Paternò calcio, lasciato solo a se stesso, in questo duro periodo di crisi. Ecco il comunicato della società appena inviato, da leggere tutto d’un fiato e dare delle risposte concrete: Presidente del Paternò Calcio Ivan Mazzamuto: «Da soli nell’indifferenza. Non possiamo andare avanti. Giocheremo con i ragazzini». La ripresa del campionato del prossimo 6 Dicembre, desta non poche preoccupazioni nel massimo dirigente rossazzurro che non vuol più nascondere una forte preoccupazione in merito ad una indifferenza, non solo locale, intorno ad un sodalizio, protagonista nella scorsa stagione di una storica impresa. “Purtroppo non siamo più nelle condizioni di andare avanti senza aiuti economici concreti – spiega il presidente Mazzamuto -, abbiamo iniziato questo campionato di Serie D, con tanto entusiasmo, spinti anche dalle promesse che ci sono state rivolte nei mesi estivi, che ci avrebbero permesso di fronteggiare le difficoltà create dalla pandemia. Ad oggi, però, il nulla o quasi. Solo parole, al di la delle pochissime briciole ricevute dalla Lega Nazionale Dilettanti che aveva promesso di non far pagare la pesante iscrizione al campionato, che invece, abbiamo pagato fino all’ultimo centesimo. Pur pieni di buona volontà, i costi si sono rivelati ancora una volta altissimi, senza dimenticare le spese non previste per contenere i contagi da Covid, al quale non ci siamo sottratti perché la nostra salute, dei tesserati e delle loro famiglie rimane al primo posto. Oltre all’indiscrezione in cui alla ripresa, noi squadra di Serie D, dovremmo rispettare lo stesso protocollo anti-covid introdotto tra i professionisti, con i tamponi ogni 4 giorni. Siamo davvero felici che si possa ricominciare, ma senza incassi allo stadio, con pochissimi sponsor a sostenerci, che mi auguro rispondano all’appello e nell’indifferenza collettiva, sia a livello nazionale sia locale, diventa impossibile proseguire il percorso intrapreso. A dicembre con l’apertura del mercato, con grande rammarico da parte nostra, cercheremo di abbattere i costi del 50%. Cambierà il nostro obiettivo. Proveremo a salvare il titolo in attesa di tempi migliori. Chi ama la nostra squadra, quella squadra che rappresenta lo specchio della nostra città, lo dimostri davvero. Il Paternò Calcio ha bisogno di Voi”.

Tags
Mostra gli altri

Vincenzo Anicito

Esteta, curioso, intrigante, riflessivo, odia gli stereotipi, ama Paternò e il Paternò calcio, il paesaggio al tramonto, il mare d'estate dopo le 19:00 e dormire con il rumore della pioggia

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: