Paternò SportSport

Il Paternò torna a vincere in trasferta 1-2 contro la Jonica

Partita intensa dei rossazzurri contro la matricola di Santa Teresa di Riva

La vittoria in trasferta mancava da un bel pezzo in casa rossazzurra, l’ultima volta era stata a Ragusa, contro il Marina e per Pensabene è la prima volta che accade, ma non per questo è meno apprezzata, anzi è arrivata a suggello di una prestazione di buonissimo livello. Il Paternò dei primi 20 minuti è una squadra travolgente, che gioca un calcio sopraffino, che annichilisce i padroni di casa, con una doppietta che porta la firma di Taormina, che non lascia scampo agli avversari, in cui eccezionale è stata la prova di Sessa, così come di Raimondi, Zumbo e di tutta la squadra, compreso il neo acquisto Lentini. Pregevole la punizione al 4′ che batte il portiere Vittorio e l’uno-due con Cordaro, che gli permette al 14′ di  siglare il raddoppio. La partita si mette decisamente sui binari dei paternesi e la successiva espulsione di Loria per una gomitata rifilata ad Asero, spiana la strada da una parte, ma inconsapevolmente, produce anche quell’effetto placebo, che purtroppo, spesso e volentieri è deleterio nel mondo dello sport. Il Paternò infatti, dopo questo episodio si divora il lo 0-3 almeno in 4-5 occasioni, non chiudendo così il match. Nella ripresa il copione è lo stesso, il Paternò spreca, la Jonica non punge, ma al 72′ su l’unica discesa dei ragazzi di Santa Teresa di Riva, il giovane Uscenti, in sospetta posizione di fuorigioco, viene atterrato da Caruso e per l’arbitro il rigore è netto. Dal dischetto Monaco trova l’angolino giusto. Il Paternò a questo punto resiste e Caruso, prima di congedarsi dalla compagine paternese( andrà all’Atletico Catania, prossimo avversario dei paternesi), effettua una bella parata nel recupero, salvando così il risultato sulla punizione di Cardia. Negli spogliatoi mister Pensabene torna sull’eccesso di sicurezza che poteva costare caro al Paternò: “Purtroppo è così, ed io che so come vanno le partite, a fine primo tempo l’ho detto ai miei ragazzi che non dovevamo lasciarci prendere dal senso di appagamento. 2-0 dopo 20 minuti ed 1 uomo in più, da un lato può essere un bene, anzi fosse sempre così, ma lasciare il passo alla troppa sicurezza è un aspetto su cui dobbiamo ancora continuare a lavorare. Infatti su quella mezza occasione trovano il rigore, riaprendo così una partita, che era chiusa da un bel pezzo. Sono comunque soddisfatto per questa vittoria, adesso speriamo con i nuovi innesti di migliorare ancora”. Infine il match-winner Giovanni Taormina dedica il gol al Paternò: “Sì, dedico questi gol a questa squadra e alla sua tifoseria, un ambiente che merita di calcare palcoscenici migliori dell’Eccellenza. Sono felice per i gol, la condizione sta crescendo, speriamo di poter regalare un sogno a questa città”.

Squadre schierate a inizio partita (© Foto Virgillito)
Tags
Mostra gli altri

Vincenzo Anicito

Esteta, curioso, intrigante, riflessivo, odia gli stereotipi, ama Paternò e il Paternò calcio, il paesaggio al tramonto, il mare d'estate dopo le 19:00 e dormire con il rumore della pioggia

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: