NewsPaternò

Piazza Pulita a Paternò: alla scoperta del lavoro rubato

Una volta studiando sociologia economica e dei processi del lavoro mi imbattei nella definizione di “Lavoro Rubato”, termine utilizzato per contestualizzare il lavoro nero dei migranti, che tolgono il lavoro vero agli italiani. Il servizio di Piazza Pulita andato in onda l’8 marzo con la scusa di verificare il posto dove i 5 Stelle hanno raccolto notevoli consensi, ha fatto emergere una situazione che non colpisce soltanto Paternò, ma è ben più ampia, infatti il lavoro nero, il capolarato e la situazione migranti, è una delle piaghe economiche dell’Italia ed in particolar modo del Sud. Il voto ai “Grillini” come forma di ultima spiaggia, come protesta ad un sistema che ha abbandonato gli italiani a se stessi, nonché a quel governo che invece di tutelare le risorse interne, protegge e favorisce le “risorse” estere. Lavoro sottopagato, non messo in regola, famiglie in crisi e tutta una serie di conseguenze che hanno ridotto la città di Paternò all’osso. Il servizio di piazza pulita ha fatto emergere tutto questo, ma le soluzioni chi li deve dare? L’Europa pro-immigrazione, oppure i governi centralizzati che si sono fregati degli italiani e del Sud? Il Voto di protesta a Paternò è una serie di concause, ma anche l’effetto di un lassismo delle istituzioni, le quali hanno preferito dirottare i propri interessi altrove, anziché tutelare i propri cittadini.

Qui nel link l’intero servizio:

http://www.la7.it/piazzapulita/video/paternò-sicilia-dove-vince-il-m5s-09-03-2018-236030

Tags
Mostra gli altri

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: