NewsPaternòPaternò SportSport

Il Paternò batte l’Atletico Catania con un gol di David Valenca

Seppur con la testa a mercoledì, il Paternò ha affrontato e vinto con merito il difficile test contro l’Atletico Catania, grazie ad un gol di David Floro Valenca ad inizio ripresa. I rossazzurri scesi in campo con le assenze degli squalificati Romano, Belluso e Intzidis e con Viglianisi e Asero a riposo, hanno interpretato il match con la solita forza agonistica ed hanno gestito il match, senza mai subire seriamente la pressione dei catanesi. Gli ospiti peraltro, che sono totalmente diversi da quelli che furono sconfitti per 5-1 in casa all’andata, reduci da un lungo filotto di vittorie e risultati positivi, hanno trovato un motivato Paternò a contendergli i 3 punti. Ma come dicevamo, sin dall’inizio, si è avuta la sensazione, che la testa fosse già a mercoledì, quando il Paternò affronterà nella gara di ritorno dei quarti di finale di Coppa Italia dilettanti, il Manduria, dopo lo 0-0 dell’andata in terra pugliese. Giocando però da grande squadra, aspettando l’occasione propizia e non rischiando più di tanto, il gol è arrivato e con questi anche i 3 punti, che in attesa delle gare di domani vogliono dire -4 dall’Enna, + 14 sul Modica e +15 sul Milazzo, che ha nel frattempo pareggiato a Misterbianco. Chiuso il capitolo della 25° giornata, adesso testa alla Coppa, per cercare mercoledì alle 15:00 di conquistare un traguardo storico!

Parte benissimo il Paternò che già al 2′ ha l’occasione di portarsi in vantaggio. Micoli infatti, riesce a vincere un contrasto, si presenta a tu per tu con Vitale, ma incredibilmente spedisce la palla fuori. Al 7′ ancora Paternò con Fratantonio che va al tiro, palla deviata da Micoli, ma Vitale è attento. Al 9′ si vede l’Atletico. Angolo di Leonardi per Sakho, colpo di testa che finisce a lato da buona posizione. Al 16′ ancora Atletico pericoloso, gran tiro di Leonardi dai 25 metri, Truppo tocca la palla, che finisce sul palo, quindi balla sulla linea, finendo poi per essere salvata da Mollica. Al 18′ il Paternò ritorna a macinare gioco. Maimone per Micoli, palla fuori di un soffio. Al 33′ tiro di Giannaula che Vitale devia in angolo, sul successivo corner, tiro di Sangarè che viene disinnescato. Al 34′ altra occasionissima con Micoli che serve Giannaula, palla per Maimone, che se la ritrova un pò dietro, tenta il tiro, ma questo finisce a lato. Nel secondo la musica non cambia ed al 46′ il Paternò passa. Angolo di Maimone, Floro Valenca anticipa tutti di testa e realizza il gol del vantaggio. Segue una lunga fase in cui il Paternò insiste ma non trova il gol, mentre l’Atletico prova di pervenire al pareggio, ma non impensierisce più di tanto Truppo. E’ il Paternò che all’87’ con Asero e al 92′ con Micoli tenta il bis, ma Vitale è attento in entrambi i casi. Finisce 1-0 e testa adesso al super match di mercoledì per entrare nella storia.

PATERNO’ – ATLETICO CATANIA 1-0

PATERNO’: Truppo 6.5, Virgillito 6.5 (54′ Napoli 6), Godino 6.5, Floro Valenca 7, Sangarè 7, Mollica 7, Maimone 6.5 (78′ Greco s.v.), Fratantonio 6.5, Micoli 6.5, Giannaula 6.5 (64′ Viglianisi 6.5), Messina 6 (84′ Asero s.v.). A disposizione: Coriolano, Panarello, Lo Monaco, Grasso, Catania. All.: Filippo Raciti 7.

ATLETICO CATANIA: Vitale 6.5, Spampinato 6, Zanella 6 (64′ Lo Maso 6), Maiorano 6.5 (64′ Faraone 6), Bertolo 5.5, D’Arrigo 6, Mangiameli 6.5, Sakho 6 (84′ Ranno s.v.), Anastasio 6.5 (62′ Gomez 6), Leonardi 6.5 (77′ Mascara s.v.), Diallo 6. A disposizione: Genovese, Russo, Zagami, Ilardi. All.: Natale Serafino 6.

ARBITRO: Marco Colazzo di Casarano (LE) 7. Assistenti: Francesco Camarda (TP) 6.5 e Domenico Cono (PA) 6.5.

RETE: 46′ David Floro Valenca.

NOTE: 500 spettatori circa, partita anticipata a sabato per preparare al meglio la gara di mercoledì. Ammoniti: Godino per il Paternò, Maiorano, D’Arrigo, Spampinato e Vitale per l’Atletico. Angoli: 8-7 per il Paternò. Recuperi: pt 2′, st 5′.

Truppo 6.5: Sempre attento tra i pali, il suo acquisto è stato azzeccato. Bravo nel tiro che ha deviato sul palo.

Virgillito 6.5: Prima partita da titolare ben giocata, salta l’uomo con facilità, meriterebbe più spazio. Dal 54′ Napoli 6: Entra con concentrazione e con lo spirito giusto.

Godino 6.5: Seppur orfano di Intzidis ha giocato ai suoi soliti livelli.

Floro Valenca 7: Non solo ha orchestrato il gioco con la sua solita maestria, ma ha anche trovato il gol con un bel colpo di testa.

Sangarè 7: Il solito “Sanga” quando lo chiami risponde presente e lo fa senza sbagliare un colpo, ma giocando una gran partita.

Mollica 7: Fare il vice Intzidis non era facile, ma lui c’è riuscito egregiamente, disputando un buon incontro.

Maimone 6.5: Un pò a corto di ossigeno, ha poi ritrovato la verve giusta e dai suoi piedi parte sempre il gol o l’assist per il gol. Dal 78′ Greco s.v.: Entra e si vede subito, giocando tanti palloni e mettendo birra nelle gambe della squadra.

Fratantonio 6.5: Giocatore eccezionale, dotato di una tecnica sopraffina e di ottime verticalizzazioni.

Micoli 6.5: E’ mancato solo il gol (se lo sta conservando per occasioni migliori…) per il resto ha disputato una gran partita.

Giannaula 6.5: E’ cresciuto tantissimo ed oggi è una valida spalla per chiunque. Dal 64′ Viglianisi 6.5: Entra per mettere ordine e da buon “Vigile” del gioco lo fa egregiamente.

Messina 6: Deve osare di più e soprattutto tentare di saltare l’uomo, perchè le qualità ci sono ed anche la resa difensiva. Dal 84′ Asero s.v.: Al rientro, ha subito mostrato sprazzi delle sue qualità.

Mister Raciti 7: Bravo a far capire che le partite si giocano una per volta, oggi è toccato all’Atletico Catania, mercoledì penseremo al Manduria, domenica al Modica e via dicendo.

Tags

Vincenzo Anicito

Esteta, curioso, intrigante, riflessivo, odia gli stereotipi, ama Paternò e il Paternò calcio, il paesaggio al tramonto, il mare d'estate dopo le 19:00 e dormire con il rumore della pioggia

Related Articles

Check Also

Close
Close