NewsPaternò

L’Ars approva l’art. 7 dell’esercizio provvisorio, i doposcuolisti di Paternò non hanno più nulla da temere.

Tutto è bene ciò che finisce bene per il doposcuolisti di Paternò. L’on. Gaetano Galvagno ci ha comunicato che dopo il voto favorevole della commissione bilancio, in cui è vice presidente, lo scorso mercoledi, in aula è stato votato l’articolo 7 che trattava appunto i doposcuolisti. Questi lavoratori del Comune di Paternò, hanno così trovato stabilità da parte dell’ente regionale, e potranno continuare senza problemi a svolgere il proprio lavoro. E’ doveroso invece fare una precisazione che dispiace invece vedere come dinnanzi a situazioni complicate, riguardanti il lavoro e senza alcun colore politico, in aula si faccia ancora una volta, abuso del voto segreto da parte del movimento cinque stelle, per provare ad affossare articoli che tutelano i lavoratori. In merito l’on. Gaetano Galvagno interviene così sull’argomento: “Siamo molto soddisfatti del voto dell’aula, fatto in piena sintonia tra maggioranza ed opposizione, dispiace invece per il comportamento del Movimento 5 stelle, che invece di guardare all’opportunità di salvare dei posti di lavoro, si aggrappa a dei mezzucci davvero spiacevoli. Ma nonostante tutto siamo riusciti a portare a casa quello che volevamo e cioè che questi lavoratori restino nella loro sede, e aggiungo che non era facile inserire la norma all’interno dell’esercizio provvisorio. Ringrazio infine la delegazione del Comune di Paternò formata dal sindaco Naso, l’assessore Natoli e Dina Russo per aver partecipato all’assemblea e portato a Palermo il proprio contributo”.

Tags
Mostra gli altri

Vincenzo Anicito

Esteta, curioso, intrigante, riflessivo, odia gli stereotipi, ama Paternò e il Paternò calcio, il paesaggio al tramonto, il mare d'estate dopo le 19:00 e dormire con il rumore della pioggia

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: