NewsPaternò

La Metropolitana a Paternò deve essere una prerogativa per tutti

In una nota diramata dai Consiglieri Anthony Distefano e Giuseppe Lo Presti si lancia un appello affinché si affronti il tema della Metropolitana a Paternò: “Quella della mobilità è una precondizione essenziale per rendere vivibile la nostra città ed il nostro territorio. Una priorità strategica che può determinare per sempre la vivibilità della nostra comunità: del resto, il livello di sviluppo è proporzionale all’accessibilità alla viabilità. E la questione della Metropolitana deve figurare con urgenza sull’agenda politica della città di Paternò. Serve una condivisione da parte di tutti: perché se non si completa il tracciato che da Paternò porta all’aeroporto di Catania rischiamo di perdere la “vera” opportunità di rilancio per noi e i nostri figli. Occorre che, tutti assieme, ci si attivi costituendo un tavolo trasversale che metta assieme amministrazione comunale, consiglio comunale, istituzioni regionali e nazionali, forze politiche e sociali della città. E’ la Metropolitana il grande tema di sviluppo del nostro territorio. Noi che abbracciamo l’Etna e il Simeto. Noi che siamo la cerniera ideale tra il suggestivo entroterra agricolo ed il capoluogo etneo. Paternò è una ricchezza geografica naturale che, però, resta bloccata anche nella sua mobilità. Non accessibile a quella che dovrebbe essere l’Area industriale ed alle risorse culturali e naturali. Rimasta indietro di decenni per via di una (mala) politica del passato che ha svilito e disincentivato la creazione della Metropolitana. Non possiamo più permetterci di perdere tempo”.

Tags
Mostra gli altri

Vincenzo Anicito

Esteta, curioso, intrigante, riflessivo, odia gli stereotipi, ama Paternò e il Paternò calcio, il paesaggio al tramonto, il mare d'estate dopo le 19:00 e dormire con il rumore della pioggia

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: