Paternò SportSport

Il Paternò strapazza il S. Agata 2-0

Grande Paternò, grande prestazione e S.Agata che per il secondo anno di fila, esce dal “Falcone-Borsellino” con un 2-0 che non lascia spazio a nessuna recriminazione. Neanche a quelle che il mister Ferrara ha voluto proferire a fine partita, quando ha imputato alla terna arbitrale la sconfitta della sua squadra, la quale a suo dire è stata platealmente condizionata dal pessimo arbitraggio! Ma come ribadisce il tecnico di Barcellona Pozzo di Gotto, “i maccarruna allinghiunu a panza” e quella del Paternò contro il S. Agata, è stata una partita di sostanza, di qualità, in cui i rossazzurri non hanno praticamente mai rischiato nulla, se non in sporadici palloni, su cui l’ottimo Cavalli ha fatto buona guardia. I paternesi con spirito di sacrifico e sotto il punto di vista dell’organizzazione di gioco, hanno invece interpretato al meglio la gara, colpendo nel momento giusto, gestendo la gara con autorità e soprattutto mostrando delle individualità di grande livello, come Walter Cozza, che a centrocampo brilla per qualità e quantità, o come Fabrizio Bontempo, il cui apporto difensivo, assieme al compagno Marco Mazzotti, è stato di grandissimo livello. E in attacco? Khoris è un grande lottatore, Distefano quando mette il turbo è imprendibile, oltre che in grande crescita, mentre La Piana, ancora una volta è determinante, nel fare grande questo Paternò. Ah dimenticavamo i due Puglisi, Samuel è ormai una certezza, trasformato da Catalano da centrocampista in difensore, ha giocato davvero molto bene, non sbagliando nemmeno una palla, ma è soprattutto Manuel a sinistra, che non ha fatto rimpiangere Santapaola, giocando una partita, quasi perfetta. Di Truglio e Maiorano è inutile aggiungere altro, perchè sono fantastici a centrocampo, ma è tutto il gruppo che merita applausi e soprattutto un sereno Natale. Adesso, qualche giorno di riposo, si ritornerà in campo il 6 gennaio, per una partita difficilissima a Messina, contro l’Acr, ma questo Paternò ha una caratteristica, che diventa una variabile, ed è quella che può giocarsela contro chiunque, a testa alta e senza sfigurare.

CRONACA:

Partenza a razzo del S. Agata, che al primo affondo, dopo un solo minuto tenta la sortita offensiva, ma il cross indirizzato verso Cicirello, viene salvato in angolo dal duo Mazzotti-Bontempo. Paternò che contiene molto facilmente gli attacchi santagatesi, ed anzi al 18′ si porta in vantaggio. Distefano semina il panico sulla destra, lo scatto è bruciante, entra in area, quindi passa a Khoris, il quale s’inventa un cross a palombella per La Piana, che nel frattempo ha capito la giocata, facendosi trovare al centro dell’area, controllo e tocco da pochi passi, su cui Bruno non può nulla. Paternò che sulle ali dell’entusiasmo prova a confezionare il raddoppio con Mazzotti al 27′, ma l’incornata del difensore meneghino, viene smorzata, permettendo la parata del portiere tirrenico. Il S. Agata si vede con Meduri al 42′, quando mette al centro un pallone a campanile senza pretese, su cui Cavalli è attento, smanacciando in angolo. Secondo tempo che inizia con Ferrara che apporta una rivoluzione quasi totale nella sua squadra, che però non produce gli effetti desiderati, ma soltanto la capacità del Paternò di proiettarsi in contropiede. Al 50′ bella azione rossazzurra, con Cozza che serve Khoris, sponda per l’accorrente Distefano, il quale prova il tiro al volo indirizzato all’angolino, ma questa Bruno compie una prodezza, salvando la propria porta. S. Agata che si vede al 57′, quando Perkovic dribbla da fuori area, tiro insidioso che scheggia il palo e finisce fuori, mentre al 66′ è Favo a provarci dal limite, ma la conclusione finisce ampiamente fuori. Ancora biancazzurri in percussione, al 74′ con Perkovi, ma Cavalli fa buona guardia, così come su Mistretta, la cui conclusione finisce abbondantemente a lato. Il Paternò nel frattempo è pericolosissimo nelle ripartenze, Distefano in progressione è imprendibile ed all’83’ diventa mortifero. L’attaccante supera in velocità Dama, entra in area e viene steso dallo stesso difensore in scivolata, per l’arbitro il rigore è lapalissiano! Dal dischetto, va Jonis Khoris, il quale con grande freddezza fissa il punteggio sul 2-0, spiazzando Bruno. 2-0 è tutti a casa, grande Paternò!

TABELLINO

PATERNO’ – S. AGATA 2-0

PATERNO’: Cavalli 7, Mazzotti 7.5, Bontempo 7.5, Truglio 7 (77′ Raia s.v.), Khoris 7, La Piana 7.5 (82′ Scapellato s.v.), Cozza 8, Distefano 7.5, Maiorano 7, Puglisi Samuel 7.5 (91′ Aureliano s.v.), Puglisi Manuel 7.5. A disposizione: Cavallaro, Guarnera, Manfrè, Barbaro, Sprovieri, Santapaola. All.: Gaetano Catalano 8.

S. AGATA: Bruno 6.5, Dama 5.5, Gnigewicz 6 (86′ Biondo s.v.), Monteleone 5.5 (46′ Mistretta 5), Brugaletta 5,.5, Meduri 6 (70′ Alagna s.v.), Marcellino 5 (46′ Miruku 5), Favo 6, Cicirello 5.5, Aveni 6 (58′ Costa 5.5), Perkovic 6. A disposizione: D’Amico, Conti, Giuffrida, Ebui. All.: Pasquale Ferrara 5.

ARBITRO: Cristiano Ursini di Pescara 7. Assistenti: Leonardo Mallimaci di Reggio Calabria 7 – Domenico Luccisano di Taurianova (RC) 7.

RETI: 18′ La Piana, 85′ (Rig.) Khoris.

NOTE: Partita giocata a porte chiuse per disposizioni Covid. Espulso al 78′ Petkovic per aver insultato l’arbitro. Ammoniti: Dama, Alagna e Biondo per il S. Agata, Cavalli, Mazzotti, Bontempo, Truglio e Khoris per il Paternò. Angoli: 5-3 per gli ospiti. Recuperi: pt 2′, st 4′.

PAGELLE:

CAVALLI 7: Il suo ingaggio è un toccasana per il Paternò, non stecca una partita, non sbaglia un’intervento, cosa aggiungere di più?

MAZZOTTI 7.5: Implacabile nel gioco aereo e nella marcatura, anche per lui il suo arrivo a Paternò è stato un grande colpo.

BONTEMPO 7.5: La domanda è sempre la stessa, come può questo giocatore essere un esordiente in D, quando meriterebbe come minimo di giocare in C? Troppo forte!

Truglio 7: Grande capitano, presente in ogni parte del campo e pronto a dare sempre il suo contributo. 77′ Raia s.v.: Entra nel momento topico del match, giocando in maniera ordinata.

Khoris 7: Cresce di partita in partita, è perfetto nelle sponde e nel proteggere palla. Implacabile dal dischetto.

La Piana 7.5: Ripetiamo come un disco incantato la solita solfa, se La Piana gioca come sa, è in grado di fare la differenza sempre, ovunque e contro chiunque. 82′ Scapellato s.v.: Entra nel finale per dare fastidio alla difesa tirrenica.

Cozza 8: Senza ombra di dubbio il migliore in campo, perchè ha finalmente preso le redini di questa squadra e sotto le sue giocate, il Paternò, non può far altro che bene.

Distefano 7.5: Migliora di partita in partita, lotta come un leone, ed in progressione è devastante. Grande partita!

Maiorano 7: Altro uomo ovunque, che non si risparmia un millimetro.

Puglisi Samuel 7.5: Il nuovo ruolo sembra che Catalano glielo abbia cucito addosso. Prestazione da incorniciare. 91′ Aureliano s.v.: Troppo poco in campo.

Puglisi Manuel 7.5: Esordiente? A noi è sembrato tutto, tranne che questo, perchè ha giocato benissimo. Complimenti, continua così.

All.: Gaetano Catalano 8: Partita preparata insieme al suo staff nei minimi particolari, affrontata con umiltà e tanta professionalità, insomma l’opposto di chi sa solo chiaccherare…

INTERVISTE:

LA FOTOGALLERY DI TURI ANICITO

Pre partita con il signor Ursini (© Foto Anicito)
I capitani a centrocampo (© Foto Anicito)
Bontempo anticipa Cicirello nei primi minuti (© Foto Anicito)
Manuel Puglisi, esordio molto positivo (© Foto Anicito)
Bella partita per Samuel Puglisi (© Foto Anicito)
Capitan Truglio in azione (© Foto Anicito)
Il preludio del gol, Distefano supera Dama e porge a Khoris la palla (© Foto Anicito)
Khoris ha servito La Piana per il vantaggio del Paternò (© Foto Anicito)
La gioia di Bontempo e La Piana dopo il gol (© Foto Anicito)
Walter Cozza, migliore in campo (© Foto Anicito)
Il colpo di testa di Mazzotti smorzato dal difensore (© Foto Anicito)
Il tiro insidioso di Meduri deviato in corner da Cavalli (© Foto Anicito)
Pasquale Ferrara insoddisfatto della partita e dell’arbitraggio (© Foto Anicito)
Il tiro di Perkovic scheggia il palo (© Foto Anicito)
La panchina del Paternò (© Foto Anicito)
L’immenso Calogero La Piana (© Foto Anicito)
L’acrobazia di Jonis Khoris (© Foto Anicito)
Fabrizio Bontempo in elevazione (© Foto Anicito)
Il rigore calciato da Khoris s’insacca alle spalle di Bruno (© Foto Anicito)
L’ottimo staff tecnico e sanitario del Paternò (© Foto Anicito)
Festa a fine partita con i tifosi (© Foto Anicito)
Tags
Mostra gli altri

Vincenzo Anicito

Esteta, curioso, intrigante, riflessivo, odia gli stereotipi, ama Paternò e il Paternò calcio, il paesaggio al tramonto, il mare d'estate dopo le 19:00 e dormire con il rumore della pioggia

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: