News

Nuovo Dpcm: Stop a gite, feste private e calcetto per i prossimi 30 giorni

E’ stato appena emanato dal governo Conte, il nuovo Dpcm con le misure anti-Covid, che sarà in vigore per i prossimi 30 giorni. Tra le principali novità c’è il divieto di feste private al chiuso o all’ aperto e la raccomandazione a evitare di ricevere in casa più di sei persone con cui non si conviva. Le feste conseguenti alle cerimonie possono invece svolgersi con la partecipazione massima di 30 persone nel rispetto dei protocolli e delle linee guida vigenti. Ristoranti e bar dovranno chiudere alle 24, ma dalle 21 vietato consumare in piedi, quindi potranno continuare a servire i clienti solo i locali con tavoli, al chiuso o all’aperto. Torna il divieto di gite scolastiche, stop a calcetto e altri sport di contatto a livello amatoriale. Entrando nello specifico:

Obbligo delle Mascherine

L’articolo 1 del dpcm stabilisce che “è fatto obbligo sull’intero territorio nazionale di avere sempre con sé dispositivi di protezione delle vie respiratorie, nonché obbligo di indossarli nei luoghi al chiuso diversi dalle abitazioni private e in tutti i luoghi all’aperto a eccezione dei casi in cui, per le caratteristiche dei luoghi o per le circostanze di fatto, sia garantita in modo continuativo la condizione di isolamento rispetto a persone non conviventi, e comunque con salvezza dei protocolli e delle linee guida anti-contagio previsti per le attività economiche, produttive, amministrative e sociali, nonché delle linee guida per il consumo di cibi e bevande”. Dall’obbligo è escluso chi fa attività sportiva, i bambini sotto i 6 anni, i soggetti con patologie e disabilità incompatibili con l’uso della mascherina. Viene inoltre “fortemente raccomandato” l’utilizzo dei dispositivi “anche all’interno delle abitazioni privatein presenza di persone non conviventi”.

Sport agonistico – Stadi e Palasport

Per le competizioni sportive agonistiche, professionistiche, dilettanti e non amatoriali è consentita la presenza di pubblico, “con una percentuale massima di riempimento del 15% rispetto alla capienza totale e comunque non oltre il numero massimo di 1.000 spettatori” all’aperto e 200 al chiuso. Va garantita la distanza di un metro e la misurazione della febbre all’ingresso. Quindi allo stadio si potrà andare, ma nel rispetto dei limiti

Attività lavorative

In ordine alle attività professionali il governo “raccomanda” che “siano attuate anche mediante il lavoro agile, ove possano essere svolte al proprio domicilio o in modalità a distanza” e che siano “incentivate le ferie e i congedi retribuiti per i dipendenti nonché gli altri strumenti previsti dalla contrattazione collettiva”.

Tags
Mostra gli altri

Vincenzo Anicito

Esteta, curioso, intrigante, riflessivo, odia gli stereotipi, ama Paternò e il Paternò calcio, il paesaggio al tramonto, il mare d'estate dopo le 19:00 e dormire con il rumore della pioggia

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: