NewsPaternò

La differenziata a Paternò vicina al 70%

Dopo tante notizie negative, finalmente a Paternò giunge una notizia che fa sicuramente piacere, soprattutto perchè indica un miglioramento dello stile di vita e di salvaguardia del territorio. L’assessore Luigi Gulisano ha infatti comunicato che i livelli di differenziati hanno raggiunto finalmente dei livelli accettabili, tali da arrivare quasi al 70%, numeri che fino a qualche anno fa apparivano improbabili, ma che oggi sono di conforto, per chi si auspica una Paternò sempre più pulita. Lo stesso Gulisano dichiara: “Ringrazio i cittadini per l’ottimo risultato ottenuto. Il raggiungimento del 69,49%, a fine ottobre, è la dimostrazione di come sia fondamentale la sinergia avviata tra l’Amministrazione comunale, l’impresa che si occupa del servizio di smaltimento dei rifiuti, i cittadini residenti e la collaborazione della Polizia di Tutela ambientale”. La percentuale raggiunta del 69,49% esprime la validità del nuovo appalto di igiene ambientale che prevede nel corso dei 7 anni, l’introduzione di diversi servizi aggiuntivi e migliorativi quali lo scerbamento, lo spazzamento delle arterie, il lavaggio delle strade, la raccolta quotidiana della frazione organica, il CCR aperto anche la domenica mattina, conferendo 7 giorni su 7. “Visto il difficile periodo che stiamo vivendo – ha concluso l’assessore Gulisano – la collaborazione della cittadinanza è fondamentale, anche per la gestione dei rifiuti speciali derivanti dalla pandemia Covid-19. Il ritiro di questi rifiuti, di tipo A, non è di competenza del Comune né dell’impresa. Stiamo attendendo dall’Asp le procedure per il ritiro, ma nel frattempo, invito i cittadini positivi, così come quelli asintomatici, a conferire questi rifiuti separatamente dagli altri, e di non mischiarli”.

Tags
Mostra gli altri

Vincenzo Anicito

Esteta, curioso, intrigante, riflessivo, odia gli stereotipi, ama Paternò e il Paternò calcio, il paesaggio al tramonto, il mare d'estate dopo le 19:00 e dormire con il rumore della pioggia

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: